Trapano avvitatore per lavori in casa: guida completa all’acquisto

miglior trapano avvitatore

Il miglior trapano avvitatore non esiste. Esistono i migliori modelli adatti alle vostre esigenze per qualità, funzionamento e budget. Per questo in commercio ci sono tanti modelli validi ma per scegliere quello per cui vi riterrete soddisfatti dovrete considerare alcuni fattori prima di procedere all’acquisto.

Ecco quindi una guida alla scelta del miglior trapano avvitatore assieme ai nostri consigli d’acquisto.

Quale scegliere? I migliori avvitatori per qualità-prezzo

TACKLIFE – Il più amato

Questo trapano avvitatore è leggerissimo e multi-funzione. È amato per il prezzo conveniente che offre ben venti livelli di regolazione di serraggio e foratura con un diametro massimo di 10 millimetri per il metallo e 20 per il legno. Dispone di una batteria a litio con carica veloce e due velocità di esecuzione. Anche questo modello offre LED e arriva completo di ben 24 accessori extra per qualsiasi lavoretto in casa. Decisamente il meglio che possiate trovare in rete al prezzo più conveniente.

DeWalt – Il professionale

Chi cerca un modello veramente professionale troverà in questo DeWalt il miglior trapano avvitatore in commercio. Dispone di tre velocità regolabili, luce LED ad alta intensità temporizzata, un’impugnatura comoda antiscivolo e due batterie a Litio. Risulta leggero e dinamico e permette di eseguire lavori ad altissima precisione. DeWalt è il trapano avvitatore professionale più completo come testimoniano le centinaia di recensioni analizzate, tutte estremamente positive. È perfetto per le officine e i laboratori vista la precisione e la stabilità di serraggio che garantisce. Questo trapano è l’accessorio più amato sia dai professionisti che dagli appassionati di bricolage che cercano solo il meglio per la propria cassetta di attrezzi.

BLACK+DECKER – La garanzia del marchio

Quanto parliamo di Black+Decker tutti sappiamo che ci riferiamo a qualità, competenza ed esperienza pluriennale. Il trapano avvitatore di questo marchio è tra i più amati della rete per la capacità di foratura su calcestruzzo, muratura, legno e metallo con la massima perfezione. Inoltre è dotato di luci LED per illuminare l’area di lavoro e portare a compimento lavori di precisione. Si alimenta con batteria a Litio con autonomia di 1.5Ah e funziona a due velocità. È la scelta per chi ama andare sul sicuro.

Come scegliere l’avvitatore?

Un trapano avvitatore è lo strumento fondamentale per compiere le più semplici operazioni domestiche come piccole riparazioni o creazioni di bricolage. Ovviamente è anche l’alleato fondamentale per gli usi professionali e, quindi, sul mercato troverai un’infinità di proposte che spaziano dai modelli base a quelli più tecnologici, potenti ed evoluti. Quali sono le caratteristiche da analizzare per scegliere il miglior trapano avvitatore? Sicuramente dovrete ragionare in termini di potenza, prestazioni e design ma sarà importante imparare a valutare gli accessori extra ed il sistema di alimentazione. Vediamo le caratteristiche ad una ad una.

Potenza

Quando parliamo di potenza ci riferiamo alla capacità di avvitare, alla sua resistenza e alle performance di lavoro che un trapano avvitatore garantisce. La potenza influenza il voltaggio e la velocità di avvitamento. Il voltaggio è anche ciò che ci fa capire se stiamo valutando un strumento domestico o professionale. Diciamo che in generale il voltaggio a 18 Volt è quello più diffuso e che sul mercato troverete modelli base da 9 Volt ad un massimo di 36 Volt.

Praticità e velocità di esecuzione

A queste caratteristiche si aggiungono quelle dei giri al minuto e della rapidità di rotazione, fattori che agevolano il lavoro da compiere e lo rendono più veloce e pratico. Per l’uso domestico possono bastare due velocità anche se i più attenti alla precisione potrebbero desiderare qualche funzionalità in più. Quindi per una buona scelta dovrete valutare modelli che oscillano tra i seicento e i duemila giri al minuto, anche se a questi livello il prezzo inizia a diventare più impegnativo.

Prestazioni

In base ai valori che abbiamo citato, quindi, è possibile capire quali sono le prestazioni dei vari modelli che stiamo valutando per l’acquisto. I modelli sul mercato presentano una distinzione molto netta tra i trapani a percussione e quelli semplici. I primi sono dotati di un mandrino che lavora con movimenti rotatori e a battente e, quindi, hanno l’effetto di un martello che spinge verso l’interno mentre si verifica l’avvitamento. Quindi i modelli a battente sono in grado di effettuare una forza forante ma non tutti possono lavorare con lo stesso medesimo diametro di foratura. Questa capacità è espressa dal diametro massimo di foratura e che oscilla dai 10 ai 20 millimetri ma che varia in base al materiale sui cui si lavora. Per le superfici più dure, infatti, è preferibile il modello a battente.

Reversibilità

Un modo per capire la validità di un modello riguarda la reversibilità, ovvero la presenza di una funziona inversa all’avvitamento. Alcuni modelli, infatti, consentono di effettuare un movimento rotatorio in tutte e due le direzioni e serve ad avvitare, svitare o correggere eventuali errori di avvitatura.

Il design

Quanto conta il design per la scelta di un trapano avvitatore? Non ci riferiamo all’aspetto estetico che, ovviamente, per alcune persone conta. In realtà ci riferiamo al peso complessivo e alla praticità dell’impugnatura che dovrebbe essere ergonomica e antiscivolo per assicurare maggiore sicurezza durante il lavoro. Rientrano nel design di un trapano avvitatore anche la presenza della luce LED che illumina l’area di lavoro, un accessorio essenziale per chi opera alla massima precisione. Infine il peso non dovrebbe superare i due chilogrammi visto che i lavori lunghi potrebbero stancare le braccia e comportare errori e imprecisioni.

Infine dovrete scegliere confrontando le proposte di accessori extra inclusi che, oltre alla valigetta standard, consistono in un plus aggiuntivo non indifferente. Quindi il nostro consiglio è quello di vagliare i modelli con maggiori extra e dotati di fodera e fondina per i momenti di lavoro passivo.

Il tipo di alimentazione

L’ultimo fattore decisivo per la scelta è il tipo di alimentazione che solitamente è a batteria ricaricabile. Questi modelli si distinguono tra batterie a litio, leggere e all’avanguardia, batterie NiCd e batterie NiMH. Le batterie NiCd sono le più diffuse oltre che quelle meno pregiate e costose. Le batterie NiMH, invece, sono quelle conosciute perché hanno una durata doppia ma risultano essere meno resistenti di quelle a litio. Ovviamente un trapano con questo tipo di batteria è mediamente più costoso. Le batterie influenzano la potenza e l’autonomia dei trapani che troverai espressa con il simbolo Ah, ovvero di Ampere/Ora.  In media è preferibile scegliere modelli con un’autonomia di almeno 1,5Ah.

Prezzi: quanto costa un buon trapano avvitatore?

Il prezzo minimo parte da circa quaranta euro fino ad arrivare a diverse centinaia di euro. Quindi per un modello domestico sarà sufficiente spendere all’incirca cinquanta euro, portandosi a casa un trapano di buona qualità e con tutte le caratteristiche in regola per fare piccoli lavori di riparazioni o bricolage. Chi cerca modelli professionali, invece, dovrà necessariamente salire di prezzo, collocandosi tra i prodotti di fascia medio alta che hanno un costo minimo di circa cento euro. Ecco la nostra classifica sui modelli più apprezzati online.

Lascia un commento