Coltivazione biologica: come fare l’orto Bio

Coltivazione biologica

Da alcuni anni si è riscoperta la necessità della coltivazione biologica per frutta e verdura, con una maggiore attenzione per la nostra salute e per il nostro ambiente. I prodotti sul mercato che portiamo sulle nostre tavole a volte hanno prezzi bassissimi, ma possono contenere sostanze nocive che ne alterano la qualità.

Questo ha indotto molti a riscoprire la coltivazione biologica, che elimina sostanze potenzialmente e nocive e cura la crescita delle piante e dei frutti in modo naturale.

Si tratta di una pratica davvero alla portata di tutti: basta avere un pezzetto di terra per creare il proprio orto biologico.

Può interessarti? In questo articolo vediamo cosa fare concretamente per allestire una coltivazione naturale. Non è molto difficile, ma servono passione e tanta, ma tanta buona volontà.

Leggi anche: Strumenti da Giardinaggio – Elenco e Prezzi

Come fare un orto biologico – Da dove iniziare?

Il primo passo per preparare una coltivazione bio è quello di lavorare la terra. Questo bisogna farlo prima dell’arrivo della primavera, in base alle zone in cui è situato il terreno. È possibile lavorare il terreno in diversi modi: con il trattore, motozappa o anche a mano con l’aiuto di una vanga.

Quindi per preparare il terreno bisogna:

  1. Vangare il terreno con l’aiuto della vanga appunto, rivoltare tutta la terra, rimuovere le erbacce.
  2. Fertilizzare il terreno. Si può utilizzare un compost naturale, che possiamo prepararci in casa se siamo dotati di una compostiera dove andremo a inserire tutti gli scarti di frutta e verdura. In alternativa, in commercio esistono tantissime varietà di compost, anche garantite bio.
  3. Fresare il terreno ovvero mescolare bene la terra con il concime.

Alla fine di questi passaggi la terra sarà pronta e bisognerà farla solo riposare prima di inserire il proprio prodotto.

Coltivazione biologica – Come irrigare l’orto?

Preparato il terreno, un orto bio dovrà avere un buon sistema di irrigazione. Un metodo molto utilizzato è l’irrigazione a solchi, una tecnica che consiste nel creare dei solchi e far passare l’acqua in mezzo ad essi solo nelle zone di terreno di nostro interesse.

Irrigare a solchi offre il sostanziale beneficio di risparmiare molta acqua, aumentando il valore biologico e sostenibile della coltivazione.

Un altro sistema è quello dell’irrigazione a goccia, meno faticoso e molto efficace. Consiste nel creare un circuito chiuso con un tubo speciale per la diffusione capillare dell’acqua vicino alla radice della piantina.

In questo modo basterà aprire il rubinetto dell’acqua quando serve, ottenendo un altro buon risparmio.

Orto biologico come fare – i trapianti

Entriamo in un aspetto leggermente più tecnico per quel che riguarda la coltivazione bio, cioè il trapianto di germogli. Questo si può effettuare per spostare la pianta appena nata da semenzai all’orto esterno.

Questa condizione corrisponde con un deciso cambio di clima per piante che, effettivamente, sono ancora deboli e rischiano di subire l’effetto degli agenti atmosferici. Ricorda sempre di aspettare che spunti più di qualche foglia per effettuare il trapianto. Una pianta che presenta un paio di foglie è ancora troppo debole per il trapianto. Già con 3-5 foglie è possibile effettuarlo.

Prima di procedere dovrai preparare il terreno dell’orto che dovrà accogliere la pianta. La preparazione prevede una regolare pulitura del terreno da piante infestanti. Questo dovrà essere umido, ma mai eccessivamente bagnato. Preleva la pianta da trapiantare insieme a un consistente bulbo di terra umida e mai troppo bagnata o troppo secca.

Attenzione! Svogli questa operazione preferibilmente in due momenti a scelta durante la giornata: o la mattina presto o la sera.

In ogni caso cerca di effettuarla quando i raggi del sole non sono troppo “aggressivi”.

Concime biologico per orto – I rimedi naturali per la lotta biologica

Inoltre per non far avvicinare gli afidi e vari insetti che potrebbero danneggiare le piante e i nostri frutti, si possono utilizzare delle soluzioni del tutto naturali. Sono considerate naturali perché non arrecano danno alla nostra salute e al terreno stesso.

Su gogoverde.it sono presenti ferormoni, trappole contro insetti nocivi e una serie di insetti e microorganismi utili a combattere in maniera naturale i “nemici” delle nostre coltivazioni.

Leggi anche: i migliori concimi e fertilizzanti naturali

Come fare orto biologico – Quando seminare

L’ultimo passo è quello di seminare le nostre verdure. Ciascun ortaggio ha il proprio periodo per essere piantato o trapiantato: per evitare di sbagliare puoi consultare il calendario delle semine.

Se vogliamo che le nostre piantine ci diano numerosi “frutti”, guardare il calendario lunare potrebbe dare un’ottima mano per la resa dell’orto biologico. L’influsso della luna, seppur non provato scientificamente, è ritenuto valido dalla maggior parte dei coltivatori.

Lascia un commento