Come fare il Compost Domestico (e Compostiera)

Come fare il compost

Il compost è un terriccio naturale assolutamente perfetto per le piante che abitualmente si possono trovare in appartamento o balcone, ma anche per chi coltiva un piccolo o grande orto. Realizzare dell’ottimo compost è semplicissimo, basta seguire qualche piccolo suggerimento.

La prima cosa da fare è procurarsi o fare a mano una compostiera, cioè un contenitore fatto apposta per contenere il nostro concime naturale.

Poi toccherà scegliere gli “ingredienti” giusti per fare un buon concime al naturale. Ecco una guida pratica per fare il compostaggio domestico a regola d’arte.

Compostiera fai da te

La compostiera può essere acquistata nei vivai o nei negozi che vendono articoli da giardinaggio, ma può essere anche realizzata in casa. I parametri da tenere in considerazione sono comunque lo spazio a disposizione e la quantità di rifiuti prodotta.

In base a queste valutazioni, si potrà anche organizzare una compostiera completamente hand made usando un grosso bidone per i rifiuti, forato opportunamente con un piccolo trapano, oppure, per chi ha quantità più grandi di rifiuti, si potranno usare delle casse di legno simili a quelle usate dagli ortolani.

In ogni caso il vostro compostiera dovrà essere senza fondo, quindi con una rete oppure molto traforata, e provvista di copertura.

In commercio si trovano anche con spese ridotte delle compostiere molto comode che garantiscono la giusta ossigenazione del terriccio interno. Sono disponibili in diverse misure e materiali e esistono anche piccole compostiere da appartamento, che si possono tenere nel piano della cucina, esteticamente adeguate.

Ma se vuoi davvero costruire una compostiera domestica, ecco un altro modello, più ecologico del precedente con il bidone di plastica. Ti servirà della rete da polli, dei vecchi stracci o una coperta, morsetti e qualche vecchio scatolone di cartone. Vediamo nel dettaglio.

Come costruire una compostiera:

Acquista:

  • Rete di plastica larga almeno 1 metro e lunga almeno 2,5 metri
  • Pali in legno di 1.5 metri
  • Chiodi da legno lunghi o morsetti
  • Scatole di cartone
  • Tappeti o coperte o vecchi stracci

Ecco come procedere:

  • Forma un quadrato con i pali, mettendoli a circa 75/80 cm di distanza l’uno dall’altro. I pali dovranno essere interrati di almeno 25/30 cm per mantenere stabile la struttura.
  • Passa la rete intorno ai pali e fermala con i chiodi o i morsetti. Lascia un lato con la rete aperta – come fosse una porta.
  • Taglia la rete in eccesso facendo il pari con i pali. Lascia che si apra a porta come spiegato prima, ma che sia precisa alla struttura.
  • Adesso puoi riempire la compostiera, avendo cura di fare uno strato di 15/20 cm sul fondo con cartoni e legnetti. Usa il tappeto (o gli stracci) per chiudere la compostiera a mò di tappo non appena avrai finito di riempirla.

[amazon table=”3425″]

Compost fai da te – Il luogo giusto:

Il luogo giusto per la compostiera è all’ombra, altrimenti il contenuto potrebbe marcire. Inoltre è importante che il piano di appoggio della compostiera sia il più piano e livellato possibile. Ti consiglio di non posizionare la compostiera troppo vicina a casa in quanto potrebbe sprigionare cattivo odore, a seconda del materiale che vi inserisci e dei tempi di decomposizione.

Compostaggio rifiuti organici – Cosa posso far diventare compost?

Sarebbe bene che gli alimenti e gli scarti alimentari che usate per il compost non fossero troppo acidi, quindi meglio evitare limoni e arance in grande quantità, così come i latticini e i formaggi. Niente avanzi di carne o pesce, né salumi. Anche la Cenere di carbone, così come la fuliggine, il tessuto sono troppo lenti a biodegradarsi, quindi meglio evitare.

Si possono invece compostare tranquillamente i fondi di caffè, i quotidiani opportunamente spezzettati, foglie, rami e ramoscelli, olio di oliva, bucce di frutta, bustine si thé. Assolutamente da evitare le noci che contengono una sostanza, il juilione, che è nociva per alcune piante. Tutto è bene che sia triturato per favorire la fermentazione.

Per approfondire: Concime Naturale, la top 10

Regola generale: nella compostiera va inserito più materiale secco che umido, quindi se hai inserito molti scarti vegetali, arricchisci il tuo compost con legnetti o cartone.

Compost domestico – I tempi di preparazione

Il primo compost dovrebbe essere pronto dopo circa 6 mesi, ma la produzione vera e propria inizierà dopo circa un anno. Ogni mese dobbiamo girare con un bastone tutto il compost per ossigenarlo.

Se sentiamo cattivo odore, questo dipende dalla fermentazione perché, forse, non abbiamo girato abbastanza il composto oppure ci sono troppe sostanze umide. Girare bene e aggiungere legnetti dovrebbe aiutare.

Quando è davvero pronto?

Quando la superficie è quasi nera. Quando avrete ottenuto un colore scurissimo, allora, prelevatelo e date libero sfogo al vostro pollice verde.

Compostiera prezzo

Vuoi acquistare una compostiera? Ecco dove trovarla!

Lascia un commento