Camino prefabbricato – Guida e Prezzi

Abitate in una casa grande e tutto insieme vi è venuta una gran voglia di caminetto. D’accordo, penserete, ne acquisto uno prefabbricato e sono a posto. Ma cosa ne pensa la normativa? E come installare un camino in casa?

Camini prefabbricati – Considerazioni preliminari

Prima di installare un caminetto, seppur prefabbricato, avrete bisogno di eseguire una accurata indagine preventiva, per essere certi che l’installazione sia compatibile con la struttura dell’edificio.  Si dovrà eseguire una vera e propria verifica di compatibilità, regolata da una normativa particolare, la Uni 10683. Quali sono i parametri da tener di conto?

Aspetti architettonici: un camino ha bisogno di spazio e richiede solai molto resistenti. Inoltre sarebbe ben individuare il miglior punto per installarlo, all’interno di una stanza. Il camino perfetto è installato in una zona in cui ‘vede’ l’intero locale e non rilegato in una porzione di esso. Ovvio che questa decisione è strettamente legata alla presenza della canna fumaria

Aspetti strutturali: come dicevamo, quelli legati alla canna fumaria e non solo. prima di tutto dobbiamo tener conto della presa di aria esterna di cui ha bisogno il camino, che deve essere larga il 50% di quella della canna fumaria. Il bello di questa presa d’aria è che, rispetto al camino vero e proprio, può essere posizionata anche lateralmente, o comunque leggermente spostata, in modo che la installazione sia più libera possibile. Nel caso comunque che la presa d’aria sia spostata attraverso un condotto di aerazione, questo non dovrebbe superare i 3 metri, altrimenti la sezione del foro deve essere aumentata.

Allacciamento canna fumaria: l’aspetto strutturale più vincolante fra tutti è proprio la presenza di una canna fumaria. Il camino deve essere allacciato ad una canna fumaria dalle caratteristiche precise. Prima di tutto si deve considerare la posizione della canna fumaria rispetto al caminetto. La posizione perfetta sarebbe con l’imbocco della canna fumaria verticale rispetto al caminetto. Se così non fosse, bisognerà inclinare il canale di fumo (la cappa) che però non dovrà avere inclinazione superiore ai 45°, per permettere una corretta fuoriuscita dei fumi e rientrare negli standard di sicurezza.

In molte occasioni la canna fumaria viene costruita esternamente alla parete, quando ad esempio, travi e solai potrebbero impedirne il passaggio internamente. Nel caso che venga fatta esternamente, solitamente si ricorre a una tubatura in acciaio che viene poi rivestita con cartongesso sia per una questione estetica, sia per fare in modo che parte del calore non si disperda.

Posizione del comignolo: chi non è un esperto sottovaluta certamente la posizione del comignolo, via di fuga dei fumi prodotti dalla combustione. È bene fare in modo che il comignolo non sia ostruito da nessun elemento (muretti, altri comignoli…) per non impedire il reflusso dell’aria.

Insomma, se volete installare un camino prefabbricato in casa vostra, dovrete fare attenzione a diverse cosette. Ovvio che dovrete anche considerare il regolamento condominiale, a meno che non abitiate in una porzione singola, per essere certi di non infrangere nessuna regola.

Caminetti prefabbricati – Tipologie

Esistono diversi tipi di caminetto prefabbricato, tutti di facile installazione e dal design differente, distinguibili in 3 categorie:

  • caminetti prefabbricati finiti: sono già completi sia nella parte interna che in quella esterna. Nella maggior parte dei casi sono realizzati in metallo con parti in mattone refrattario e sono, come dire, chiavi in mano, nel senso che hanno bisogno solo di essere installati e sono pronti all’uso. Come tutti i caminetti, hanno bisogno di una canna fumaria.
  • caminetti prefabbricati semifiniti: in sostanza si tratta di caminetti solo da assemblare con focolare, cappa, struttura e qualche dettaglio. Si possono personalizzare usando materiali ignifughi e refrattari adeguati, in base al proprio gusto o esigenza.
  • camino prefabbricato grezzo: realizzati in ghisa e metallo, sono composti da focolare e hanno anche la cappa. Possono essere finiti con materiali adeguati e personalizzati nel design. Possono contenere la griglia per la cottura degli alimenti e garantiscono una diffusione del calore omogenea.

Camini a legna prefabbricati – Vantaggi e svantaggi

Il camino prefabbricato è un elemento più versatile di quello che si crede. Disponibile in diversi design e dimensioni, sono facili da installare e sono realizzati in maniera tale da garantire l’accumulo di calore e la relativa diffusione, grazie anche alla presenza dei mattoni refrattari. Sono disponibili anche nella versione termocamini.

Di contro hanno un peso elevato, visto la struttura e quindi richiedono una valutazione attenta del solaio in cui andrà installato.

Camini prefabbricati prezzi

Potrebbero servirti:

ASPIRATORE PER CAMINO MODELLO BASE
  • Aspira fumo elettrico con variatore a 6 velocità
  • Resistente alle fiamme
  • Staffe regolabili
Kit 9 Metri + 2 Scovoli 80mm e 100mm Pulizia Stufa a Pellet Tubi Canna...
  • 3 Prolunghe Flessibili in Cavo d'Acciaio da 3 Metri con Rivestimento...
  • 1 Scovolo Pellet Ø 80mm in nylon per superare le curve - perno 12MA
  • 1 Scovolo Pellet Ø 100mm in nylon per superare le curve - perno 12MA
  • 1 Manico - 12MA
  • 1 Scovolino multiuso per accedere agli angoli più difficili della...
Turbina ad aria calda 4 in 1, per la distribuzione dell’aria calda,...
  • Cosy è progettata per far passare alla stanza adiacente l'aria calda...
  • Composta da: ventola di scarico (serie Classic WC100), termostato,...
  • -

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome