Intonaco deumidificante – Utile contro l’umidità di risalita

L’umidità di risalita è un tipo di umidità molto noioso perché capace di rendere insalubre il luogo in cui viviamo. Cos’è l’umidità di risalita? Da cosa dipende? Per dirlo in soldoni, si tratta di un tipo di umidità che nasce a causa della capillarità del suolo, del calcestruzzo e della muratura che compongono la casa. L’acqua ha il potere di risalire lungo questi capillari grazie a piccole forze elettrostatiche che si creano tra le pareti dei pori presenti tra le mura e le molecole di acqua presenti nel terreno.

Umido di risalita – Cause e come scoprirla

La causa dell’umidità di risalita è certamente la mancanza o il cattivo funzionamento dell’isolamento sul piano di posa. La mancanza di vespaio, ad esempio, può portare umidità di risalita. Ci accorgiamo della sua presenza osservando il fondo delle pareti: potremmo notare muffa o intonaco distaccato o ancora la presenza di acqua. Questo fenomeno può essere più o meno intenso a seconda delle stagioni, del materiale e quindi della sua capacità assorbente e della sua porosità. Solitamente quando i capillari sono sottili, l’umidità da risalita tende a salire più in alto nella parete.

Questo fenomeno può portare a gravi conseguenze come indebolimento della struttura e danni alla salute, a causa delle muffe che si sviluppano a seguito dell’umidità di risalita, passando per i “semplici” stacchi di intonaco e formazione di macchie che creano danni estetici.

Intonaci antimuffa – Rimedi contro umidità di risalita

Utilizzare un intonaco antimuffa, è un’ottima idea per contrastare l’umidità di risalita. Si tratta di intonaci protettivi, di solito a base di calce, che rafforzano il potere isolante delle murature. Questi intonaci sono composti da leganti idraulici e fibre sintetiche e vengono usati per il risanamento delle superfici danneggiate, previo aver tolto il vecchio intonaco.

Esistono diversi tipi di intonaco deumidificante, tutti efficaci per la singola situazione, ma necessitano di un lavoro preventivo. Se si pensa di posizionare un intonaco anti umido e aver così risolto il problema dell’umido da risalita… beh, ci sbagliamo. Gli intonaci anti umido necessitano di un lavoro preventivo. Vediamolo nel dettaglio.

Intonaco antiumido – Come agire

Per risanare veramente una parete colpita da umido di risalita, è necessario, come abbiamo appena sottolineato, preparare la muratura stessa. Ecco 4 fasi di lavorazione che si devono tenere in considerazione prima di installare il nuovo intonaco.

1.Eliminare la fonte di umidità

Utilizzare un intonaco traspirante e antiumido su una parete soggetta a umidità, non è una buona scelta, se prima non viene risanata. Infatti questi intonaci eliminano la porosità e l’umido non è in grado di traspirare dalla parete, quindi rimane intrappolato tra i capillari della muratura, provocando danni talvolta irreversibili. È pertanto fondamentale ridurre la fonte di umido prima di addentrarsi nell’intonacatura.

2. Attendi che la parete sia asciutta

Eliminata la fonte dell’umido, è necessario attendere che la parete sia davvero asciutta prima di installare il nuovo intonaco. È possibile fare delle misurazioni ponderali dell’umidità e confrontarle con quelle effettuate prima dell’intervento per essere certi di aver eliminato il problema.

3. Occhio ai sali

Sono proprio i sali i responsabili dei cedimenti della struttura, è necessario dunque accertarsi della concentrazione dei sali e della loro tipologia, prima di passare all’acquisto dell’intonaco, in modo da essere sicuri di acquistare un prodotto idoneo. Fa analizzare la tipologia di sali da un tecnico esperto.

4. Applicazione dell’intonaco

Gli intonaci contro l’umidità possono essere a mono strato (quindi un unico prodotto) o a più strati (generalmente costituiti da due tipologie di prodotti che si sovrappongono). E’ fondamentale attendere l’asciugatura tra uno strato e l’altro e inoltre è importante garantire lo spessore minimo per ogni mano di prodotto, come indicato nelle istruzioni dell’intonaco stesso.

Intonaco traspirante – Come si sceglie

Il primo consiglio che possiamo dare è quello di NON scegliere intonaci adatti a ogni tipo di ambiente e muratura. Potresti acquistare un prodotto molto coprente e molto resistente, ma che rischia di intrappolare l’umidità rimasta, all’interno della muratura, creando ancora più danni nel lungo periodo.

Un altro consiglio da esperto, è quello di evitare gli intonaci risananti a basso spessore perché non hanno resistenza nel lungo periodo e rischiano di far disintegrare l’intonaco nell’arco di pochi anni.

Se nell’intonaco c’è scritto TRASPIRANTE, non è detto che sia anche anti umidità, quindi verifica sempre questo dettaglio fondamentale. Non dimenticare inoltre che neppure il miglior intonaco in circolazione potrà combattere l’umidità in casa se non sei riuscito a eliminare o ridurre di molto il problema alla fonte.

Intonaci deumidificanti – Quale comprare

TRH780 INTONACA&DEUMIDIFICA 5 KG
  • 1 - Stonacare accuratamente i vecchi intonaci
  • 2 - Bagnare la muratura prima dell'applicazione dell'impasto
  • 3 - Estendere il trattamento per 50/80 cm al di sopra delle precedenti...
  • 4 - Lo spessore finale dei nuovi intonaci non dovrà essere inferiore...
  • WWW.TECNORED.IT
Biointonaco termo-deumidificante per bioedilizia 18Kg BenessereBio...
  • Biointonaco termo-deumidificante per bioedilizia 18Kg BenessereBio...
  • KERAKOLL
  • KK14572

Potrebbe servirti anche:

Offerta
Pistola per intonaco
  • Pistola per intonaco da interni
  • provvisto di tre ugelli da 4, 5 e 6 mm
  • Portata: 228 l/min
Offerta
Ausonia 44125 - Rasatore per intonaco
  • Dimensione: Cm 25,5x15
  • Peso: 425 g
  • Manico in polipropilene
  • deale per la preparazione delle superfici prima dell'applicazione...
  • Piastra zincata intercambiabile
Offerta
Silverline 675241 - Spatola per intonaco, 150 mm
  • Silverline 675241 Plamuurmes - 150mm

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome