crepe nei muri interni pericolose: quando preoccuparsi?

crepe nei muri quando sono pericolose

Le crepe nei muri interni pericolose sono davvero così preoccupanti o sono innocue? Se innocue, come facciamo a capirlo? Scopri come si riconoscono crepe pericolose da crepe superficiali.

Come nascono le crepe nei muri

Le crepe sono spaccature più o meno profonde che compaiono sulle pareti di un ambiente domestico o pubblico. Si formano per diverse cause che possono essere legate al terreno su cui giace la struttura, al clima, alla presenza di eventi tellurici, all’umidità ecc.

Ogni lesione alle pareti deve essere attentamente monitorata per comprenderne la causa e intervenire per evitare danni ben più gravi.

Alcune volte si potrebbe trattare dell’effetto di fenomeni fessurativi conseguenti ad un assestamento dell’edificio mentre in altri le crepe sono la testimonianza di grave instabilità dello stesso.

Crepe nei muri quando sono pericolose?

I fenomeni fessurativi possono avere origine per via dei cambiamenti del terreno sottostante all’edificio, dove sorgono le fondamenta.

Questo si verifica in zone e terreni argillosi o limosi che in inverno sono più umidi e ricchi d’acqua mentre in estate si essiccano quasi completamente. Lo stesso può verificarsi in presenza di cantieri in vicinanza, i cui lavori potrebbero avere ripercussioni sugli edifici circostanti e mettere alla prova la struttura, le pareti e gli intonaci.

In altri casi ancora le scosse di terremoto, anche quelle impercettibili, potrebbero gradualmente dare vita a crepe che derivano da fessurazioni e da movimenti impercettibili di tutta la struttura.

Crepe muri pericolose: le tipologie

Vogliamo darti un suggerimento per vivere meglio con te stesso e con la casa: mai sottovalutare le crepe nei muri. Tuttavia, è anche utile non farsi prendere dal panico e valutare in base alle tipologie di crepe che la tua casa presenta. Quante ne esistono? Generalmente si identificano 5 tipologie di crepe. Te le elenchiamo qui di seguito:

  • Crepe verticali;
  • Crepe orizzontali;
  • Tra due edifici;
  • Su soffitti e pilastri;
  • Diagonali o trasversali.

Passiamo adesso a descrivere, in maniera piuttosto sintetica, le caratteristiche di queste tipologie di crepe e come possono diventare pericolose.

Crepe muri pericolose verticali

Primo segnale da non sottovalutare sono le crepe nei muri pericolose che si dipanano verticalmente. Queste hanno un’origine dovuta a carenze strutturali legate al peso dell’edificio. Nello specifico possono originarsi lì dove il peso non è distribuito in maniera equilibrata sul terreno su cui poggia l’edificio.

Rappresentano un segnale piuttosto preoccupante di una situazione che potrebbe anche degenerare. Come intervenire per non peggiorare la situazione? Rivolgiti a un esperto per una valutazione del terreno su cui poggia l’edificio. Questo potrebbe consigliare di intervenire con opere di rinforzo dello stesso, partendo dalle zone centrali.

Crepe pericolose nei muri: crepe orizzontali

Le crepe sui muri diventano pericolose anche quando sono orizzontali. Strutturalmente, queste coinvolgono problemi diametralmente opposti rispetto a quelle verticali. Se le prime dipendono da carenze legate al terreno, le seconde sono la conseguenza di un problema alla parte superiore dell’edificio.

Quando su un tesso si accumulano pesi eccessivi o la struttura è gravata da un peso eccessivo sulla parte superiore ecco che escono crepe orizzontali. Questa è una condizione che si può verificare spesso, ma è stato riscontrato anche un cedimento con insorgenza di crepe orizzontali in conseguenza di problemi al terreno.

Crepe sui muri: quando preoccuparsi per quelle trasversali

Altra tipologia di crepa che richiede un intervento di stabilizzazione della struttura dell’edificio. Generalmente le crepe trasversali vanno a toccare l’angolo della stanza in cui si presentano. Questo tipo di crepa può avere un’origine variegata e possono dipendere da scosse di terremoto, assestamenti del terreno o anche da fenomeni termici di grande impatto.

Cosa accade quando si sviluppano queste crepe? La struttura subisce un cedimento che colpisce le fondamenta. Queste fanno mancare il loro apporto alla struttura portante e la reazione della struttura è uno sbilanciamento. Attenzione, perché questo è uno di quei fenomeni che arriva ad evolvere, cioè, subisce impercettibili variazioni (fino a un potenziale crollo) nel corso del tempo.

Crepe muro pericolose al soffitto

Se dovesse capitarti di trovare crepe nei muri a livello del soffitto, non esitare a chiamare un esperto per una valutazione precisa. Questo tipo di crepa si presenta, solitamente, anche a livello dei pilastri.

Anche questo fenomeno può originare da errori a livello di fondamenta che possono pregiudicare la tenuta della struttura.

Le pareti sono continuamente esposte alle sollecitazioni

Il punto è che le pareti di un edificio sono continuamente esposte a sollecitazioni ambientali e le crepe sono la risposta “normale” a tutto questo. Prima di andare nel panico, consigliamo di osservare con attenzione la crepa e, seguendo i nostri consigli, cercare di individuarne la causa.

La prima cosa che devi sapere è che nella maggior parte dei casi le crepe non sono esse stesse un pericolo ma un avvertimento, un sintomo che qualcosa potrebbe non andare.

Le crepe possono avere varie forme, per cui presta attenzione a come si presentano. Difatti possono essere orizzontali, verticali, disposte a quarantacinque gradi, a scalini, a croce da terremoto.

Crepe nei muri: quando preoccuparsi e perché vanno monitorate?

Non ci sono risposte universali relativamente alle crepe nel muro quando sono pericolose, ma il consiglio che chiunque ti darebbe è quello di monitorare con cura l’evoluzione delle crepe nel tempo. Fai questo tenendo d’occhio l’espansione e cercando di capire se si tratta di crepe fisiologiche o patologiche.

Le crepe fisiologiche sono quelle che non segnalano un pericolo imminente e che possono derivare dalla qualità dei materiali di costruzione impiegati come anche da errori commessi durante la costruzione.

Le lesioni patologiche, invece, sono causate da sollecitazioni che creano tensioni e assestamenti per cui si origina un fenomeno fessurativo di compensazione. Si tratta di un meccanismo di difesa dell’edificio che manifesta problemi strutturali a cui prestare maggiore attenzione.

Cosa fare quando noti delle nuove crepe nei muri

Quando noti una crepa spuntata fuori senza apparenti ragioni, inizia a fotografarla e monitorarla nel tempo.

Se dovesse espandersi contatta una ditta specializzata per farla analizzare. In alcuni casi potrebbe essere necessaria la rimozione dell’intonaco. In altri basta una rapida occhiata alla condizione della crepa.

Ciò che conta è la sicurezza prima di tutto, per cui non esitare a chiedere spiegazioni. Nei casi meno gravi si possono stuccare ed eliminare le crepe in poche mosse ma è sempre ragionevole parlarne con un esperto.

Pensi di avere crepe nei muri non pericolose e che non hai fatto valutare? Facci sapere se hai trovato la risposta che cercavi attraverso questa risorsa sui tuoi dubbi riguardo quando le crepe sui muri sono pericolose. Comunicacelo nei commenti!

Lascia un commento