Classe energetica F: tutto quello che c’è da sapere

classe energetica F

Un ruolo di grande importanza nella valutazione delle abitazioni, e quindi anche della tua, lo ha la classe energetica, di particolare rilevanza per capire se la casa è performante e quindi consuma poco o, al contrario, tende a far spendere molto dal punto di vista energetico.
La classificazione energetica avviene tramite le lettere dell’alfabeto dalla A alla G, dove per A si intende un’abitazione in ottimo stato, con impianti rinnovabili, come per esempio caldaie di ultima generazione e pannelli fotovoltaici, e quindi con un consumo pressoché minimo.

Se la tua casa rientra nella classe energetica F, significa che devi subito metterti all’opera per operare una riqualificazione, magari anche sfruttando i vari incentivi che il Governo mette a disposizione per questa tipologia di lavori, come per esempio l’ecobonus. Questi vengono proposti in quanto avere impianti più efficienti e che sfruttano le energie rinnovabili consentono anche di inquinare meno l’ambiente e quindi contrastare i pericolosi cambiamenti climatici.

Scopriamo di più quindi sulla classe energetica F, la penultima nella lista come grado di negatività.

Cosa significa classe energetica F

Se la tua abitazione possiede questa classificazione, nelle bollette dovresti trovare il valore Epgl,ren compreso tra 2,60 e 3,50 kWh/m2ann, che comprende l’acqua sanitaria, il riscaldamento e la ventilazione.
Solitamente appartengono a questa categoria le case e gli edifici degli anni 70′ e 80′, quindi neanche eccessivamente vecchi, ma che non hanno mai visto un servizio di manutenzione e di efficientamento energetico.

Non esistono quindi impianti moderni basati su fonti di energia naturali. Gli impianti sanitari e di climatizzazione sono obsoleti e poco funzionanti. Infine, gli infissi sui quali vengono montati i vari serramenti come porte, finestre ecc. lasciano passare aria all’interno, non isolando correttamente.

Appare subito evidente come sia fortemente sconsigliato vivere in una casa con classe energetica F, visto i svariati aspetti negativi che apporta. Ma quali sono nel dettaglio?

  • costi di gestione esagerati, così come le bollette a fine mese;
  • isolamento termico ed acustico inefficace, con poco comfort generale;
  • climatizzatori installati accesi eccessivamente in estate con consumi elettrici elevatissimi;
  • guasti frequenti ai vari impianti installati;
  • elevato inquinamento dal punto di vista ambientale.

Come migliorare la classe energetica della tua abitazione

Abbiamo visto come la classe energetica F sia estremamente negativa, non soltanto dal punto economico ma anche come vivibilità. Se ti ritrovi in questa situazione, devi quanto prima intervenire per migliorare il tutto. Per fortuna, sono numerosi gli elementi su cui operare per creare un giusto efficientamento energetico.
Prima di dirti alcuni lavori che puoi far svolgere a professionisti appositi, ti consiglio di valutare in anticipo il budget economico che puoi mettere a disposizione, visto che sono comunque interventi che hanno un certo costo, anche se sfruttare incentivi può aiutare notevolmente.

Il primo intervento da fare è sicuramente sostituire la vecchia caldaia con un modello nuovo a condensazione, che consente di risparmiare fino al 30% sulla bolletta ed inquinare meno l’aria circostante.

Se soffri particolarmente il clima non ideale in inverno in casa, puoi sostituire tutti gli infissi vecchi presenti, con modelli nuovi e più efficienti, capaci di creare un ottimo isolamento termico ed acustico. In aggiunta, puoi decidere di installare un vero e proprio cappotto termico. Grazie a questi interventi, eviterai di accendere eccessivamente il riscaldamento in casa, con un netto risparmio dal punto di vista dei consumi.

Infine, se vuoi svolgere un completo servizio di efficientamento energetico della tua abitazione, per arrivare almeno alla soglia B, puoi sostituire tutti gli impianti ormai obsoleti con sistemi recenti e all’avanguardia, oltre a far installare un nuovo pavimento con sistema di riscaldamento o raffrescamento, in base alle tue esigenze o preferenze specifiche. Nel complesso, dunque, è importante cercare di migliorare sempre la classe energetica della propria abitazione, specialmente se vuoi cercare di risparmiare il più possibile e vivere meglio.

Lascia un commento