Umidificatore ultrasuoni: che cos’è, come funziona, quale comprare

Umidificatore ultrasuoni

L’umidificatore ultrasuoni è un dispositivo che ristabilisce il corretto tasso di umidità in ambienti chiusi. La sua azione è fondamentale per preservare la salute delle vie respiratorie. La sua presenza aiuta a proteggere le persone dai problemi di salute legati ad un tasso di umidità non ottimale. L’umidificatore a ultrasuoni è particolarmente indicato per gli ambienti dove vivono bambini piccoli. Difatti aiuta a contrastare l’insorgenza di allergie e disturbi alle vie respiratorie che sono problemi molto insidiosi e tipici dell’infanzia. Oggi scopriremo tutto quello che c’è da sapere su questo utilissimo elettrodomestico e ti aiuteremo a capire quali caratteristiche osservare se se intenzionato ad acquistarlo.

Perché acquistare l’umidificatore?

La maggior parte delle persone ritiene che l’aria che respiriamo in casa sia più salubre di quella esterna ma spesso non è così. Nella nostra vita trascorriamo buona parte del nostro tempo al chiuso in ambienti polverosi e spesso ricchi di batteri che volteggiano in aria. Per esempio i termosifoni e gli impianti di riscaldamento sollevano in aria la polvere mentre, in estate, le finestre aperte, i condizionatori e i ventilatori spostano e mettono in circolo smog e polveri sottili. Durante tutto l’anno, quindi, siamo esposti a una serie di agenti minuscoli che non possiamo vedere ma che circolano in aria e la rendono molto secca.

Questa condizione provoca fastidi alla gola e agli occhi e disidrata la pelle, creando quella tipica sensazione di secchezza, sete e senso di disidratazione. Per risolvere queste problematiche, specialmente in presenza di bambini molto piccoli, è necessario affidarsi alla protezione degli umidificatori ad ultrasuoni, apparecchi in grado di generare vapore acqueo che donano sollievo alle vie respiratorie e che ristabiliscono il corretto tasso di umidità ambientale attraverso un piccolo serbatoio e un meccanismo discreto e silenzioso.

Come funzionano gli umidificatori ultrasuoni?

Sul mercato esistono due tipologie di umidificatori che, a loro volta, si distinguono in tantissimi modelli diversi per funzioni extra, prezzo e portata del serbatoio. Generalmente gli umidificatori si distinguono in modelli a caldo e a freddo e, questi ultimi, sono proprio quelli che ti presenteremo oggi: gli umidificatori ad ultrasuoni. Gli umidificatori a ultrasuoni sono dotati di una membrana in grado di scompattare le molecole di acqua in piacevole nebbiolina umida. La membrana vibra e crea umidità traendo acqua dal serbatoio grazie agli ultrasuoni che sono impercettibili all’orecchio umano ma che, al tempo stesso, sono in grado di scompattare l’acqua in minuscole goccioline fresche e piacevoli.

L’azione degli ultrasuoni

Al loro interno sono caratterizzati da una piastrina metallica che vibra a frequenze ultrasoniche che non provocano alcun rumore e, anche per questo, sono particolarmente indicati per i bambini. Le vibrazioni ultrasoniche emesse dalla piastrina trasformano l’acqua in vapore che viene immesso delicatamente nell’ambiente sino al raggiungimento del tasso di umidità ideale. L’umidificatore a ultrasuoni non protegge solo le vie respiratorie ma anche l’arredo in legno, soggetto a deperimento quando l’ambiente risulta eccessivamente secco per via di camini e riscaldamenti sempre accesi.

Benefici dell’utilizzo degli umidificatori ultrasuoni

Tra i benefici di questi apparecchi c’è sicuramente il fatto che si prendono cura delle vie respiratorie in modo discreto e silenzioso. Il miglior vantaggio riguarda la bassa manutenzione dato che non necessitano del cambio di filtri o di rimozione del calcare come avviene quelli a caldo. Le onde ultrasoniche, inoltre, consumano una quantità esigua di corrente elettrica e al termine dell’acqua nel serbatoio il sistema si spegne da solo, contribuendo a ridurre inutili sprechi. L’umidificatore a ultrasuoni è fondamentale per gli ambienti in cui l’umidità è inferiore al 30%, condizione tipica in alcune aree geografiche o in quelle case in cui caldaie, termosifoni e condizionatori sono accesi con una certa frequenza.

Consigli per l’acquisto

In commercio esistono umidificatori domestici e professionali e, ovviamente, i primi sono decisamente meno costosi e ingombranti e sono destinati alla casa. Gli umidificatori professionali, invece, sono impiegati in archivi storici, laboratori o biblioteche per preservare documentazioni e reperti di valore. Per fare un buon affare assicurati di acquistare modelli dotati di serbatoio capiente così che non dovrai preoccuparti quando è acceso di notte. Infatti il riempimento dell’acqua del serbatoio e la pulizia periodica saranno le uniche operazioni di manutenzione di cui dovrai occuparti. Se desideri anche ripulire l’aria e renderla salubre, specialmente se utilizzi frequentemente i riscaldamenti, è meglio preferire gli umidificatori ultrasuoni con funzione ionizzante.

Funzioni extra da non sottovalutare

Per la scelta del modello più idoneo alle tue esigenze ti consigliamo di ragionare in termini di budget, funzioni extra e rapporto qualità prezzo. Tra le funzioni extra da osservare raccomandiamo la presenza di display ampi e silenziosi, per non disturbare il riposo. Controlla anche la possibilità di programmare il funzionamento con il timer o con la rilevazione del tasso di umidità ambientale. Per un maggior confort di utilizzo suggeriamo di scegliere modelli provvisti di beccuccio orientabile per direzionare il getto.

Anche la presenza del filtro per l’acqua è importante dato che trattiene le impurità in aria. Alcuni modelli prevedono luci soffuse e la possibilità di usare oli essenziali per profumare gli ambienti conciliare il sonno. Queste due funzioni sono molto rilassanti e utili per concentrarsi, lavorare o studiare. Infine prenditi un po’ di tempo per leggere le recensioni, specialmente quelle corredate da foto e indicazioni esaustive perché non c’è miglior suggerimento di quello di un cliente soddisfatto.

 

Lascia un commento