Mini ascensori interni: cosa sapere e come realizzare un ascensore in casa

mini ascensore interno per casa

I miniascensori interni sono delle strutture molto comode, poiché permettono alle persone con difficoltà motorie di superare le barriere architettoniche. Si rivelano molto utili anche quando è necessario trasportare oggetti ingombranti e pesanti.

Ma cosa bisogna sapere prima di installarne uno? Come si può realizzare? In questa pratica guida verranno fornite tutte le informazioni necessarie.

Dove si installano i mini ascensori interni

I mini ascensori interni sono installabili non solo all’interno delle abitazioni private, ma anche nei musei, nei palazzi storici, nei luoghi pubblici e negli uffici.

Avendo delle dimensioni inferiori rispetto ai dispositivi tradizionali, permettono di risparmiare molto spazio e di essere installati anche nei luoghi dalle dimensioni più ristrette.

Differenza tra mini ascensori interni, montacarichi e piattaforme elevatrici per interni

Sebbene tutte e tre le strutture abbiano il compito di assicurare il trasporto verticale di cose e persone, si differenziano per numerosi aspetti, anche i prezzi.

I mini ascensori

I mini ascensori per interni sono adatti agli edifici con pochi piani come case, ville e uffici. La loro velocità arriva fino a 0,15 metri al secondo.

Per quanto riguarda invece il consumo, quest’ultimo è paragonabile agli elettrodomestici più moderni. Sono considerati mini, appunto, per un motivo: le dimensioni dei miniascensori. Andiamo a vedere in maniera più approfondita questa particolarità per capire caratteristiche reali e come adattarlo in casa.

Generalmente sono 3 i riferimenti da prendere in considerazione per quel che riguarda le dimensioni del miniascensore interno:

  • Dimensioni vano;
  • Profondità fossa;
  • Testata vano corsa.

Per farti capire le dimensioni ridotte di questo tipo di ascensori da interno, guardiamo il vano che può arrivare ad avere una larghezza minima di 60 centimetri e una profondità di 80 centimetri. Anche la profondità della fossa che accoglie l’ascensore ha un impatto minimo sull’edificio. Questa può essere di appena 150 centimetri.

Avendo la possibilità logistica di effettuare la manutenzione ordinaria anche dall’interno del vano ascensore, questo fattore riduce anche le dimensioni della testata del vano corsa. Questo può essere limitato ai 240 centimetri rispetto al piano tra testata ascensore e limite della testata vano corsa.

I montacarichi

I montacarichi sono caratterizzati da grandi dimensioni e hanno lo scopo di trasportare oggetti pesanti.

Si trovano solitamente nei centri commerciali, nelle strutture ospedaliere, nei supermercati e negli impianti industriali. Possono inoltre essere montati all’esterno dei palazzi come montacarichi da balcone.

I modelli moderni permettono inoltre il trasporto di persone, mentre quelli risalenti a qualche decennio fa non lo consentivano.

Le piattaforme elevatrici

Le piattaforme elevatrici per interni vengono solitamente installate negli edifici a più di quattro piani, basti pensare ai grattacieli oppure ai condomini.

Hanno una capienza elevata e procedono a una velocità alquanto spedita, la quale raggiunge gli 1,5 metri al secondo.

Il loro consumo energetico è ovviamente più consistente.

Mini ascensore interno prezzo e agevolazioni fiscali

Il prezzo di un miniascensore domestico è commisurato all’altezza, alla capienza e al compito che deve svolgere.

L’importo di un dispositivo per un edificio a due piani è sicuramente inferiore rispetto a uno per più piani e così via.

Altri tre fattori che determinano il costo finale sono il design, le prestazioni e la tecnologia.

Non è raro, inoltre, che occorre aggiungere le spese del progetto, delle opere murarie e della manodopera dei professionisti.

Per quanto riguarda l’IVA, la suddetta è assoggettata al 4%, a patto che sia finalizzata a eliminare e superare le barriere architettoniche.

In più, grazie alla Legge di Bilancio promulgata nel 2020, è possibile usufruire della detrazione IRPEF pari al 50%, sia per le persone residenti in condominio, sia per i soggetti proprietari di case indipendenti.

Per accedere a questo benefit statale occorre spendere almeno 96 mila euro e il rimborso verrà dilazionato in dieci quote annuali di pari cifra.

Le persone affette da disabilità possono beneficiare di un’ulteriore detrazione pari al 19%.

Miniascensori vantaggi

I mini ascensori domestici, oltre ad accrescere il valore dell’immobile in cui sono installati, portano numerosi vantaggi, tra cui:

  • ingombro minimo ed estrema versatilità;
  • sono facili e veloci da pulire per via delle dimensioni ridotte;
  • assicurano il massimo della comodità rispetto alle scale;
  • sono semplici da installare e tutte le fasi vengono completate nell’arco di pochi giorni;
  • garantiscono un consumo energetico alquanto ridotto e non è dunque necessario potenziale l’impianto elettrico della casa;
  • offrono un’ampia possibilità di personalizzazione non solo estetica, ma anche funzionale;
  • sono silenziosi e non emettono vibrazioni, in quanto appositamente progettati per tutelare la quiete della casa;
  • possono migliorare notevolmente l’aspetto estetico dell’abitazione.

La cabina interna dei miniascensori può essere realizzata in numerosi materiali e dotata di corrimano oppure di una seduta per le persone anziani o disabili.

Non bisogna inoltre dimenticare la pulsantiera, la regolazione e il posizionamento delle luci oppure le combinazioni cromatiche da applicare sia all’interno che all’esterno del locale ascensore.

Se installato da persone che non hanno esigenze fisiologiche particolari, gli ascensori per interno si trasformano in un vero e proprio complemento d’arredo. A questo è possibile aggiungere vetrate panoramiche, superfici a scomparsa oppure vetri panoramici.

Come è stata la tua esperienza per i miniascensori interni? Hai avuto la possibilità di testarli? Facci conoscere la tua opinione inserendola nel form in basso tra i commenti.

Lascia un commento