Fotovoltaico con accumulo: tutto quello che c’è da sapere

fotovoltaico con accumulo

L’impianto fotovoltaico con accumulo serve a produrre e immagazzinare energia, proprio come lascia intendere il nome. L’energia prodotta da questa tipologia di impianto è immagazzinata grazie ad un sistema a batterie ricaricabili, in modo da poterla usare in seguito, all’occorrenza.

Vantaggi dell’impianto fotovoltaico con accumulo

Questa tipologia di impianti serve a compensare il limite di quelli che, per via della loro natura, possono produrre solo quando c’è la luce solare. Per questo nelle ore notturne gli impianti fotovoltaici non possono produrre energia e questo si verifica quando i consumi elettrici aumentano proprio per via del buio. Per questo con gli impianti fotovoltaici ad accumulo è possibile produrre energia e accumularla per quando ce n’è bisogno.

Da un punto di vista dei costi l’impianto fotovoltaico con accumulo ha un costo maggiore rispetto a quelli a pannelli solari con scambio sul posto, proprio per via delle batterie. Tuttavia la quota di autoconsumo è nettamente superiore e, al momento del raggiungimento, il risparmio sarà maggiore.

Un esempio di energia alternativa performante

Il fotovoltaico ad accumulo è una delle soluzioni sempre più apprezzate quando si parla di energie alternative e il costo attuale si è ridotto almeno della metà rispetto a soli cinque anni fa. Con le nuove batterie è possibile immagazzinare con alta efficienza l’energia prodotta che non viene consumata immediatamente, fino a sfiorare l’autosufficienza.

Il suo funzionamento è caratterizzato da pannelli solari posizionati ad esposizione ottimale e la produzione di energia è simile ai fotovoltaici classici. La differenza con questi ultimi risiede nel fatto che gli impianti tradizionali inviano alla rete l’energia non utilizzata. Lo fanno secondo il meccanismo dello scambio sul posto mentre quelli ad accumulo la trattengono per utilizzarla all’occorrenza.

Scambio sul posto e accumulo: quali vantaggi e svantaggi?

Lo scambio sul posto non è conveniente quanto l’accumulo e ciò si evince facendo un rapido calcolo. Il costo per l’acquisto di energia elettrica ha un costo di circa 25 centesimi al Kw mentre la vendita si aggira sui 14 centesimi al Kw e viene rimborsata dal GSE l’anno successivo.

Considerando anche che i consumi maggiori di corrente avvengono proprio quando non c’è il sole con gli impianti fotovoltaici tradizionali è pressappoco impossibile raggiungere l’efficienza energetica. Con il fotovoltaico ad accumulo, invece, si può immagazzinare tutta l’energia prodotta e coprire fino all’80% del fabbisogno energetico quotidiano.

Sempre rispetto ai costi c’è un altro vantaggio da considerare, ovvero quello per cui le batterie per l’accumulo non devono essere acquistate immediatamente. Difatti i pannelli solari funzionano normalmente anche in assenza del sistema di accumulo. Questo significa che la maggior parte degli impianti fotovoltaici tradizionali possono essere “aggiornati” senza troppi ingombri in termini di spazio.

Costi e investimenti

Il costo di un impianto fotovoltaico ad accumulo deve essere considerato come un investimento e non come una semplice spesa a fondo perduto. Difatti il costo per l’installazione viene recuperato nel giro di un anno o due grazie agli ingenti risparmi in bolletta. Una volta recuperata la spesa per l’acquisto il denaro risparmiato diventa tutto denaro guadagnato se si considera anche che si tratta di un sistema longevo e duraturo, destinato a funzionare efficacemente fino a dieci anni.

Una volta installato non è neanche impegnativo dal punto di vista della manutenzione perché richiede solamente pulizie dei pannelli e sostituzioni di inverter e batterie. Inoltre il costo di questi impianti è destinato a scendere nel tempo, così come è avvenuto dalla loro comparsa sul mercato delle energie rinnovabili. Infine vale la pena ricordare che per chi decide di investire in questo genere di impianti sono previsti bonus ed incentivi oltre a detrazioni fiscali fino al 50%.

L’impianto fotovoltaico con accumulo è conveniente?

La convenienza di questo tipo di impianti è una ferma certezza per varie motivazioni. Costi e benefici economici sono sicuramente di prioritaria importanza. C’è anche da considerare che gli impianti ad energia solare riducono drasticamente le emissioni di CO2. Vedrai un risparmio economico, il tuo ritorno, nell’arco di circa dieci anni che possono diminuire a seconda della zona in cui viene installato. Al tempo stesso produce un effetto benefico sul pianeta per cui speriamo che i vecchi sistemi di produzione di energia possano presto essere sostituiti con le energie rinnovabili.

 

 

Lascia un commento