Monitorare l’impianto fotovoltaico: consigli per controllare il rendimento

come monitorare impianto fotovoltaico

Come monitorare l’impianto fotovoltaico e avere un’idea istantanea dei rendimenti? La prima risposta ovvia è che potete andare a verificare direttamente sul contatore bidirezionale la produzione di energia immessa in rete. Ci sono però alcune soluzioni davvero interessanti che vi consentono di monitorare il vostro impianto fotovoltaico direttamente dal vostro smartphone. Vediamo quali sono.

Perché monitorare un impianto fotovoltaico?

Chi possiede un impianto fotovoltaico è sicuramente più sensibile al tema delle energie rinnovabili per cui sa bene che maggiore è l’irradiamento e maggiore sarà la produzione dei moduli di energia. Se però doveste accorgervi che questa proporzione è inversa nonostante un buon irraggiamento cosa si può fare? Come si può monitorare l’andamento dell’irraggiamento rispetto alla produzione energetica?

I sistemi di monitoraggio degli impianti fotovoltaici, oggi, offrono vari livelli di controllo

Alcuni consentono di capire se ci sono guasti segnalando accensione e spegnimento mentre altri, più complessi, avvisano e rilevano i livelli di corrente, tensione e temperatura di ogni singolo pannello installato. Diciamo che per monitorare con efficienza un impianto è importante scegliere sistemai che diano informazione sulla potenza istantanea e sull’energia in produzione.

Potenza istantanea

Ci sono varie definizioni e nomi sul web per definire la potenza istantanea per cui, per non creare dubbi, la definiamo come la potenza momentanea dell’impianto in funzione. Per esempio quando guidate un monopattino elettrico e questo è quasi scarico, la potenza istantanea è quella flessione che percepirete nell’andatura. Quando invece è carico alla prima spinta sentirete la potenza istantanea più decisa e prorompente. Diciamo quindi che la potenza istantanea di un impianto fotovoltaico è un valore che indica se questo funziona a dovere oppure se c’è qualcosa che non va.

Energia generata

Il valore dell’energia generata è un dato che ci fa capire, analizzato periodicamente, se la produzione è ben ritmata o ci sono cali di prestazioni. A questo valore devi aggiungere il fatto che l’irraggiamento giornaliero, mensile e annuale è piuttosto variabile.

Quindi come si monitora un impianto fotovoltaico?

Il dato che ci deve interessare è la produzione effettiva rispetto alle stime del progetto di installazione. Non riceverete mai una stima esaustiva proprio per via della variabilità del clima. Tuttavia la percentuale di differenza tra ciò che ci è stato promesso e ciò che effettivamente produce l’impianto non deve essere superiore al 15%. Per questo esistono tantissime opzioni per monitorare l’impianto fotovoltaico che possono essere gratuite o arrivare a costare diverse migliaia di euro: sarete voi a scegliere in base al livello di controllo che desiderate ottenere.

Opzioni gratuite… o quasi

L’innovazione tecnologica ha reso possibili tante azioni e operazioni che solo fino a qualche tempo fa erano considerate impensabili. Molte delle operazioni che compiamo quotidianamente, oggi, si svolgono via app e tra queste c’è anche la possibilità di monitorare l’impianto fotovoltaico.

Queste app vanno sincronizzate con il proprio impianto dopo aver installato un calcolatore di energia direttamente alla centralina dell’impianto. Completata l’installazione i dati calcolati verranno trasmessi via Wi-Fi allo smartphone e le informazioni saranno così fruibili in ogni istante a portata di mano.

Elios4you Kit MONITORAGGIO IMPIANTO FOTOVOLTAICO E CONSUMI CASA E4U...
  • Monitoraggio fotovoltaico, Monitoraggio consumi abitazione, Monitoraggio scambio sul posto +++ATTENZIONE+++ FORNIRE SEMPRE IL CODICE FISCALE (O P. IVA E CODICE DESTINATARIO) PER LA FATTURAZIONE.

Sistemi con contatori di produzione

Questi sistemi di monitoraggio sono i migliori da impiegare per piccoli impianti con un inverter al massimo. Praticamente non danno informazioni su anomalie di funzionamento ma soltanto dati di produzione e tensione perché, per l’appunto, sono molto economici.

Inverter

I sistemi di monitoraggio a inverter sono quelli in assoluto più diffusi. Consentono di ricevere informazioni su ogni inverter dell’impianto e prodigarsi alla manutenzione quando necessario. Ci sono poi i sistemi a “stringa” che invece si abbinano ai sistemi di monitoraggio degli inverter e che consente di avere una panoramica più dettagliata ideali per i fotovoltaici di grandi dimensioni.

Monitoraggi a livello di modulo

Infine i sistemi di monitoraggio a livello di modulo sono da considerarsi quelli in assoluto più completi ed esaustivi. Praticamente sono in grado di fornire informazioni su ogni modulo controllando interamente il livello di produzione, potenza e irraggiamento assorbito. Non sono ideali per gli impianti di piccole dimensioni e solitamente sono installati assieme al primo assemblaggio dell’impianto. Sono anche i sistemi più costosi per cui non sono la soluzione ideale per un impianto domestico.

 

Lascia un commento