Porte finestre scorrevoli: guida completa alla scelta

Porte finestre scorrevoli

Porte finestre scorrevoli: perché sceglierle e, soprattutto, come sceglierle? In questo articolo vorremmo fornirvi una panoramica completa sulla scelta delle porte finestre scorrevoli consigliando di approfondire l’argomento anche nelle nostre guide dedicate alla differenza tra serramenti ed infissi e a quella sui tipi di vetri esistenti in commercio.

Serramenti scorrevoli: cosa sono e come funzionano?

I serramenti scorrevoli, come lascia intendere la definizione, sono quelli che hanno ante che scorrono su una corsia. Sono ideali per esigenze di arredo e di spazio di cui si dispone e sul mercato è presente una scelta corposa e variegata. Il miglior modo per scegliere è quello di fare una media tra design, luce, spazio, arredo ed esposizione della casa.

Il ragionamento sembra piuttosto semplice ma se non si conosce minimamente il mercato di riferimento ci si potrà trovare dinanzi ad un certo imbarazzo per la scelta. Diciamo che dal punto di vista del design la porta o finestra scorrevole assicura luminosità e vista panoramica. Esse danno la percezione di ampliare la stanza e creano un senso di apertura notevole che contribuisce all’aspetto estetico dell’ambiente.

Le porte finestre scorrevoli salvano molto spazio

Dal punto di vista tecnico, invece, le porte finestre scorrevoli sono la soluzione ideale per chi ha poco spazio in casa dato che non creano ostacoli e barriere e che hanno ingombri ridotti senza ridurre luminosità anche agli ambienti più ombrosi.

Per la scelta bisognerebbe tenere conto di queste considerazioni al netto di materiali e tipologia di infisso e serramento. Un sistema scorrevole deve possedere una struttura di buona fattura perché è sottoposto ad uno stress da uso più marcato delle porte finestre ad anta battente, a libro ecc…

Quindi dovrete procedere valutando l’acquisto non come un costo a fondo perduto ma come un investimento nel tempo. Scegliete sempre e solo senza guardare solo al prezzo ma facendo una media tra le seguenti variabili elencate:

  • Qualità di struttura, telaio, vetro e guarnizioni
  • Livello di isolamento acustico
  • Livello di isolamento termico
  • Resistenza a usura da agenti atmosferici
  • Prestazioni energetiche
  • Manutenzione
  • Eventuale sicurezza in termini di protezione anti-intrusione.

La scelta dei materiali per le porte finestre scorrevoli

I materiali per la scelta spaziano tra legno, alluminio e PVC oltre ai mixi ibridi tra PVC e alluminio o tra legno ed PVC. Il legno è sottoposto a modifiche della forma per via del cambio delle temperature e del tasso di umidità mentre il PVC non è sensibile a questi agenti.  Inoltre il PVC non necessita di grossi interventi di manutenzione e riduce i rischi di infiltrazioni, condense e muffe. Ovviamente il legno è esteticamente più piacevole dell’alluminio e del PVC ed è per questo che il mercato offre soluzioni compromissorie di grande

A queste condizioni si aggiungono anche le varie tipologie di porte finestre scorrevoli, dato che esistono più sistemi. La scelta dipende dallo spazio di cui di dispone e dall’effetto di luce che si vuole ottenere al netto del tipo di passaggio. Fondamentalmente troverete sistemi traslanti paralleli e sistemi alzanti scorrevoli.

I primi funzionano con un meccanismo di traslazione che consente di aprire l’anta primaria a scorrimento o a ribalta seguendo un binario del telaio. Quelli scorrevoli puri funzionano a scorrimento sul binario e sono la risposta ideale per guadagnare spazio e risparmiare in termini di efficienza energetica.

Lascia un commento