Come risparmiare energia in casa: le 7 regole d’oro

risparmiare energia in casa

Risparmiare energia in casa e ridurre i consumi domestici non serve soltanto a spendere meno, ma anche a rispettare l’ambiente!

Si calcola che nel 2035 la richiesta di energia elettrica sarà aumentata del 30%; sarai stupito di scoprire che in Italia già il 34,5% dell’energia elettrica proviene da fonti rinnovabili e che i consumi medi stanno lentamente calando, ma possiamo fare ancora meglio per il bene della Terra e del nostro portafogli.

Vuoi ridurre la bolletta della luce e aiutare il pianeta? Ecco 7 regole d’oro da seguire per economizzare e diventare più ecologico!

Impara a conoscere i tuoi elettrodomestici

Una efficiente strategia di risparmio energetico inizia con una buona conoscenza delle tue apparecchiature domestiche. Quale di esse consuma mediamente di più? Il primato spetta a condizionatori e soprattutto scaldabagni! Condizionatori e scaldabagni elettrici sono veri e propri “succhia-energia”.

È vero, non tutti possediamo un boiler o un impianto di condizionamento. Chiunque ha però un frigorifero e proprio il frigorifero conquista il secondo posto. Al terzo posto troviamo il phon; al quarto posto pari-merito si classificano la lavatrice ed il forno a microonde.

Se vuoi saperne di più, leggi il nostro approfondimento sui consumi degli elettrodomestici.

Sostituisci i vecchi elettrodomestici con nuovi elettrodomestici a basso consumo.

Abbiamo parlato di consumo degli elettrodomestici e probabilmente già saprai che esistono varie categorie di efficienza energetica o – per usare il termine tecnico – classi di consumo energetico. Le classi di consumo energetico sono state istituite da normative europee a vantaggio del compratore; le trovi esposte nell’etichetta energetica e vengono costantemente aggiornate per stare al passo con lo sviluppo tecnologico. Attualmente vanno da A+++ (la migliore) a G (la peggiore, ancora disponibile per pochi elettrodomestici, come le asciugatrici).

Utilizza i tuoi elettrodomestici in modo intelligente

Un elettrodomestico ad alta efficienza non serve a molto se non lo usiamo in modo intelligente.

  • Per quanto riguarda il frigorifero, posizionalo sempre ad almeno 35 cm di distanza dal muro, per permettere un buon raffreddamento del motore; mantieni la temperatura interna tra i 5 ed i 6 gradi ed apri lo sportello il meno possibile: ad esempio, organizza la spesa sul tavolo prima di scaffalarla nel frigo, così eviterai di spalancarlo ripetutamente in modo inutile.
  • Quando lavi i vestiti in lavatrice, scegli il programma ecologico: le lavatrici di ultima generazione lavano/igienizzano bene quasi tutti i capi già dai 40 gradi in giù, permettendo di riservare le alte temperature a situazioni particolari; evita il prelavaggio: risparmierai il 50% d’acqua e 1/3 della corrente elettrica.
  • Adoperando la lavastoviglie, seleziona opzioni eco evitando di riporre all’interno piatti troppo sporchi. Se la lavastoviglie ha l’asciugatura automatica, spegni l’apparecchio prima che cominci: taglierai i suoi consumi del 45%.
  • Utilizza il forno a microonde solo per scaldare e cucinare piccole porzioni: il microonde è un elettrodomestico dispendioso, ma grazie alla sua rapidità con le pietanze di dimensioni ridotte, può diventare un utile alleato per controllare gli sprechi. Per le lunghe cotture o le quantità elevate preferisci sempre il forno classico.
  • E lo scaldabagno? Lo scaldabagno andrebbe montato lontano dalle finestre e su pareti non confinanti con l’esterno. Scegli un boiler con capienza proporzionata alle tue esigenze; non tenerlo sempre acceso, sincronizza piuttosto un timer che lo attivi qualche ora prima dell’utilizzo. Imposta lo scaldabagno a 40 gradi in estate e massimo a 60 in inverno.

Utilizza LED e lampadine a basso consumo.

Il 13,5% della bolletta elettrica è dovuta all’illuminazione. Sostituisci progressivamente tutte le tue vecchie lampadine alogene/a incandescenza con lampadine a basso consumo o lampade led. Le lampade ad incandescenza sono fuorilegge dal 2012, mentre quelle alogene sono state parzialmente vietate dal 2018, anche se alcune tipologie sono ancora commerciabili.

Aumenta l’efficienza energetica della tua casa.

Scegli colori chiari per le stanze dove serve una buona illuminazione e progetta l’illuminazione degli spazi in modo intelligente. Monta porte a vetri e specchi per moltiplicare la luce e lasciarla passare senza impedimento. Controlla che gli impianti non abbiano perdite di energia dovute a carenze strutturali.

Scegli un’offerta luce vantaggiosa, approfittando del passaggio al mercato libero dell’energia.

A luglio 2020 l’Italia e gli italiani entreranno definitivamente nel mercato libero dell’energia. Questo passaggio permetterà agli utenti di scegliere tra innumerevoli offerte. La libera concorrenza dovrebbe produrre per i cittadini una diminuzione dei prezzi (con un risparmio annuo fino a 250 €). Le aziende metteranno a disposizione tariffe flessibili e maggiormente personalizzate, modulabili a seconda delle esigenze dell’utenza.

Cambia le tue abitudini.

Anche i piccoli gesti quotidiani possono fare davvero la differenza. Innanzi tutto, se hai un contratto luce a fasce orarie cerca di usare gli elettrodomestici nella fascia più conveniente, approfittando anche degli appositi timer integrati. Spegni sempre le luci e accendi soltanto quelle necessarie. Non eccedere con la luminosità degli schermi, specialmente con quella del televisore. Stacca le spine dalle prese di corrente, per evitare che le luci di stand-by “brucino” inutilmente energia.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome