Come sturare il lavandino e gli scarichi con metodi naturali

Il tuo lavandino si è otturato e non sai come fare per risolvere il problema? Magari arrivano anche cattivi odori oltre ai disgustosi sgorghi di acqua sporca che galleggia nel lavello, vero? Sistemare uno scarico intasato è molto semplice e, in alcuni casi, il problema si può risolvere senza usare prodotti chimici. Per sturare il lavandino, quindi, potrai avvalerti dell’aiuto prezioso di ingredienti da cucina come il bicarbonato, l’aceto o il sale anche se, come vedremo, non sempre questi rimedi funzionano. Tutto dipende dal tipo di deposito che intasa lo scarico e, sopratutto, da quanto è grave la situazione.

Come sturare il lavandino? Accertati della gravità dell’ingorgo

Prima di versare qualsiasi prodotto nel tubo di scarico, quindi, prova a sturare il lavandino con un filo di ferro. Ti basterà piegarlo ad uncino su una delle estremità e provare a tirare su dallo scarico ciò che potrebbe aver ostacolato il corso dell’acqua. Solitamente vengono fuori cespugli di capelli mescolati con una sostanza densa e oleosa causata dai residui di soda dei saponi. Se l’acqua defluisce in questo modo ci sono buone speranze di sturare il lavandino con i rimedi che ti spiegheremo tra poco, altrimenti dovrai chiamare un idraulico.

Bicarbonato e aceto – Per sturare il lavandino

Bicarbonato e aceto non mancano mai nelle nostre case, o almeno così dovrebbe essere. Fonti di igiene assoluta, sono ottimi per la pulizia di piastrelle e acciaio, per pulire la frutta e la verdura – il bicarbonato – per igienizzare e anche per la cura della persona. Ma come possono aiutarci a sturare il lavandino? Ti basta nello scarico un bicchiere di bicarbonato, seguito da un bicchiere di aceto e un litro di acqua bollente. La reazione chimica che avviene tra aceto e bicarbonato, risolverà il problema: sturerà il lavandino e contemporaneamente allontanerà i cattivi odori. Presta attenzione nel momento in cui verserai l’acqua bollente perché la reazione chimica che scaturirà potrebbe sgorgare così velocemente da scottarti o schizzare negli occhi.

Lavandino otturato – risolvi con sale e bicarbonato

Il bicarbonato torna protagonista in questo rimedio semplice e rapido. Per risolvere il problema dello scarico otturato, versa 4 cucchiai di sale grosso e 4 cucchiai di bicarbonato di sodio e poi una pentola di acqua bollente. Anche questo rimedio sembra risultare abbastanza efficace per scarichi non troppo intasati ma se il problema è molto grave il sale in grani non disciolto potrebbe peggiorare la situazione. Quindi assicurati che l’acqua raggiunga i cento gradi e con l’aiuto del filo di ferro smuovi lo scarico per facilitare il decorso.

Sturalavandino – Rimedio basic ed efficace

Rimedio vecchio come la sua invenzione, lo stura lavandini è ancora oggi molto efficace. Basta fare pressione con l’attrezzo e poi gettare acqua molto calda facilitando lo sgorgo.  Anche in questo caso vale la pena aiutarsi con il filo di ferro perché alcuni residui potrebbero incastrarsi nello scarico, sopratutto i capelli. Quando lo sturalavandini solleverà i residui assicurati di rimuoverli e gettarli nella spazzatura, altrimenti finiranno nuovamente nello scarico.

Come sturare un lavandino – con il detersivo per piatti bio

Ideale per lo scarico del lavello della cucina. Basta versare mezzo bicchiere di detersivo per piatti ecologico nello scarico e lasciarlo agire. Versare poi acqua molto calda per facilitare l’operazione di sgorgo. Questo rimedio non funziona molto spesso ed è indicato per gli scarichi della cucina, dove solitamente si possono depositare maggiori quantità di grassi.

Scarichi lavandini – Pulirli con la soda da bucato

La soda Solvay, non la soda caustica, ma quella ecologica da bucato, è efficiente per stasare i lavandini, basta versare 4 cucchiai nello scarico seguiti da 1 litro di acqua bollente per risolvere il problema. Il funzionamento di questo rimedio fai-da-te per sturare il lavandino è simile a quello che prevede l’uso del bicarbonato e, quindi, la sua efficacia dipende anche in questo caso dalla gravità dell’intasamento.

Come sturare il lavandino della cucina – Con acqua, sale e aceto

Ecco un’altra soluzione con ingredienti presenti in cucina. Servono mezzo litro di aceto bianco, 1 litro d’acqua e 5 cucchiai di sale grosso. Scalda l’aceto e l’acqua in pentole separate. Versa il sale grosso nell’acqua e mescola bene, poi aggiungi l’aceto e l’acqua bollente salata. Aspetta qualche ora e ripeti il procedimento verificando se il composto scende velocemente o ritarda a defluire. Se non vedi cambiamenti potrai provare l’ultimo rimedio che trovi qui di seguito.

La Coca Cola funziona?

Se tutti i rimedi che ti abbiamo consigliato fin qui non sono serviti a sturare il tuo lavandino potresti fare un ultimo tentativo che sembra essere molto popolare e che prevede l’utilizzo della Coca-Cola. La popolare bevanda gassata riesce a rimuovere la ruggine dall’acciaio e, quindi, potrebbe aiutarti a liberare lo scarico velocemente. Per procedere ti basta svuotare una bottiglia nel lavandino intasato e attendere qualche ora. Per una maggiore efficacia ti consigliamo di versare la Coca-Cola adagiando il collo della bottiglia sullo scarico e premendo energicamente la bottiglia, così che il liquido passerà ad alta pressione. Questo rimedio funziona? Non è detto che abbia efficacia, così come i rimedi elencati fin qui.

Perché questi rimedi potrebbero non funzionare?

Quando il lavandino si intasa significa che nella tubatura si sono intasati residui organici e chimici che impediscono il passaggio dell’acqua. Il maggior pericolo per uno scarico sono i capelli e i rifiuti inorganici, come residui di spugne, plastica o altri materiali non deperibili. In questi casi aceto, bicarbonato, sale o Coca-Cola non possono bastare perché non possono disciogliere ciò che impedisce al’acqua di fluire. Quindi dovrai chiamare un idraulico che con la giusta attrezzatura libererà lo scarico e aspirerà ciò che impedisce il regolare funzionamento.

Ti serviranno:

Lascia un commento