In altre occasioni abbiamo visto come sia semplice curare orto e giardino, godendo in prima persona di ortaggi e piante ornamentali. Spazi verdi spesso ricavati in perimetri limitati come terrazzi e balconi. Ma avete mai pensato di ricavare orti e giardini direttamente sul tetto della vostro casa o del condominio? L’installazione di un tetto giardino può essere davvero un’ottima soluzione, non solo per salvaguardare l’ambiente, ma anche in chiave di risparmio energetico.

Negli ultimi anni i tetti giardino hanno avuto un’ampia diffusione soprattutto all’interno delle grandi città. Ma questi polmoni  verdi non sono un’invenzione dell’età moderna, hanno invece delle origini antichissime.

In particolare il tetto giardino può essere di due tipologie:  intensivo (o giardino pensile) ed estensivo. Nel primo caso lo spessore del terreno sarà molto più ampio, circa 30 centimetri con conseguente maggior peso. In quello estensivo invece lo spessore si aggira tra i 5 e i 12 centimetri. Due tipologie con caratteristiche diverse, e differenti sono anche gli usi. Nel tetto giardino intensivo si riesce a realizzare un giardino vero e proprio, che necessita di costante irrigazione e manutenzione. Nell’altro caso invece il sistema è meno accessibile e si predilige la coltivazione di piante di piccole dimensioni.

Trasformare  il tetto di casa in un vero e proprio giardino contribuisce senza dubbio ad aumentare  l’inerzia termica, con grandi benefici per la casa e per chi ci abita, in tutte le stagioni. Durante l’inverno infatti il tetto giardino contiene le dispersioni, e d’estate evita l’innalzamento della temperatura della casa. Tutto ciò comporta anche un contenimento e una riduzione del consumo energetico, nonché grossi vantaggi sulla bolletta elettrica.

Il tetto giardino ha anche altre caratteristiche positive.  Aumenta innanzitutto l’isolamento acustico dell’edificio, e ancora gioca un ruolo fondamentale in caso di acqua piovana. Infatti riesce ad assorbirla e a rilasciarla in modo lento e graduale senza caricare troppo i sistemi di scolo. Contribuisce come detto a depurare l’aria, riducendo l’anidride carbonica, e protegge la copertura, quindi il tetto in sé aumentandone anche la durata.

Prima di effettuare i lavori è opportuno effettuare dei sopralluoghi e apposite verifiche con imprese specializzate. Sarà fondamentale innanzitutto capire se la struttura della casa possa reggere tranquillamente il peso del nostro giardino, o in caso contrario, procedere con dei rinforzi e modifiche strutturali apposite.

Ultimo aspetto da non sottovalutare è la possibilità di usufruire delle detrazioni fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici. Sarà fondamentale prendere visione della normativa attuale, e verificare se nel caso concreto sussistano i presupposti per usufruire dei bonus.

Photo Credit: ©  green roof  –  cleanerairforcities.blogspot.it

Post By Angela (111 Posts)

Aspirante giornalista, scrive per passione praticamente da sempre. Sensibile alla tutela del consumatore, per eTerra si occupa di Risparmio Energetico

Connect

Aspetta! Ti potrebbe anche interessare: