Negli ultimi decenni la tecnologia ha semplificato molti dei gesti della nostra vita quotidiana. Per i nostri nonni ad esempio sarebbe stato impossibile immaginare una macchina che pulisse le stoviglie per noi. Ma se da un lato questa comodità tutta moderna ci aiuta a svolgere con semplicità le incombenze della casa, è vero anche che occorre usare  le lavastoviglie in modo corretto per evitare fastidiose ripercussioni in bolletta. Tuttavia, per garantirne un uso consapevole sono sufficienti dei piccoli accorgimenti quotidiani.

Cosa e come scegliere

Innanzitutto è consigliabile preferire delle lavastoviglie di ultima generazione, che sono in grado di assicurare ottimi risultati con poca spesa in termini di energia, acqua e detersivi. Come tutti gli elettrodomestici, anche le lavastoviglie devono essere dotate per legge di etichetta energetica. È importante tener bene presente tale elemento al fine di verificare le prestazioni del mezzo e prediligere in particolare le lavastoviglie di classi più alte, e quindi A e B, al fine di assicurare anche un notevole risparmio energetico.

Verificate poi anche i kW/h necessari per ogni ciclo di lavaggio e la possibilità di effettuare cicli rapidi quando il carico sarà minore.

Controllate sempre prima dell’acquisto la conformità alle norme di sicurezza. Tale elettrodomestico, per essere in regola, deve presentare di norma il marchio di qualità IMQ.

Uso e manutenzione

Una volta effettuata la scelta sul modello che si adatta maggiormente alle esigenze della propria famiglia, è fondamentale effettuarne un uso responsabile.

Innanzitutto ricordate di disporre le stoviglie in modo corretto, eliminando residui di cibo che potrebbero compromettere il funzionamento del filtro e le prestazioni dell’intera macchina. Mettete poi in funzione la lavastoviglie soltanto a pieno carico: i consumi di elettricità e di detersivo restano invariati indipendentemente dal carico.

Tenete a mente la distinzione tra i diversi cicli:

– ciclo intensivo, necessario in cui le stoviglie siano particolarmente sporche, richiede tempi lunghi e temperature elevate con grande dispendio di energia
– ciclo rapido a freddo, per poche stoviglie
– ciclo economico, per le stoviglie che non sono particolarmente sporche. In questo caso il lavaggio avviene a una temperatura inferiore rispetto alla norma e al tempo stesso si riduce anche il tempo di asciugatura

Utilizzate poi dei detersivi specifici, nel pieno rispetto delle dosi indicate. Non sempre una maggiore quantità di detersivo corrispondono miglior lavaggio.

Ricordate che le prestazioni e i consumi saranno regolari se curerete anche la manutenzione della vostra macchina. Occorre pulire il filtro con una certa frequenza, impedendo la formazione di impurità e il deposito del calcare. A tal fine è consigliabile usare regolarmente anche il sale grosso, assicurandovi che sia sempre presente nell’apposito contenitore. Una corretta manutenzione garantisce migliori prestazioni, assicurando al tempo stesso anche un risparmio energetico.

Non scordate poi di staccare ogni collegamento idrico ed elettrico nei periodi di inattività, magari quando sarete fuori in vacanza.

Se desiderate ulteriori informazioni sul risparmio energetico all’interno della vostra casa, non esitate a scaricare o richiedere tramite l’apposito modulo la nostra guida Consigli utili per risparmiare energia in casa.

Photo Credit: © Lavastoviglie – www.solonews.net

Post By Angela (111 Posts)

Aspirante giornalista, scrive per passione praticamente da sempre. Sensibile alla tutela del consumatore, per eTerra si occupa di Risparmio Energetico

Connect

Aspetta! Ti potrebbe anche interessare: