Abbiamo parlato e riparlato di infissi e vetri per aumentare il risparmio energetico in casa, ma questa volta vorremmo concentrarci su un tipo di infissi particolari capaci di gestire livelli di isolamento termico molto elevati e migliorare così il risparmio energetico dell’abitazione.

Questi particolari infissi sono realizzati con una innovativa struttura. La armatura esterna ha un profondità di soli 86 mm con 6 camere ad armatura piena in un nuovissimo materiale il Rau-Pvc (dal nome della ditta che lo ha brevettato). Si tratta di un materiale di ultima generazione con altissime proprietà di resistenza e ottima capacità di torsione. Insomma, un materiale ricco di pregi: leggero, resistente e flessibile quanto basta per far parte di una delle migliori finestre a risparmio energetico al momento in circolazione.

Questo tipo di infissi viene utilizzato prettamente nelle case passive, cioè quelle abitazioni a basso impatto ambientale e soprattutto, energetico. Rispetto alle tradizionali finestre in legno, ad esempio, questo materiale garantisce un risparmio energetico del 76%.

Non solo: queste finestre consentono anche il massimo isolamento termico e vantano un coefficiente di isolamento Uf di 0,85. E ancora: la lega di acciaio che le compone, le rende quasi anti scasso, per il massimo della sicurezza. E la manutenzione?

Nessuna in particolare. Il materiale è anti polvere e antiurto, caratteristiche uniche che non fanno altro che aumentare il comfort nell’abitazione. E anche esteticamente non sono niente male: si possono avere in diversi colori e finiture, per coordinarle al meglio e inoltre sono completamente riciclabili.

Insomma, questo tipo di finestre merita certamente la nostra attenzione, e noi crediamo che meriti anche la vostra. 😉

Photo Credit: Rau-Pvc oknasamoraj.com

//

Post By Francesca Oliva (91 Posts)

Web Writer Freelance che si sveglia al mattino con un solo pensiero: scrivere. Tra le tante collaborazioni, per eTerra si occupa di Ecologia e Risparmio energetico, due delle sue grandi passioni.

Website: →

Connect

Aspetta! Ti potrebbe anche interessare: