fari-a-led-una-scelta-per-il-risparmio-energetico-e-lambiente

Avere a disposizione per la propria casa o ufficio un buon sistema di illuminazione ne garantisce l’utilizzo e il godimento appropriato. I fari in particolare, dislocati ad esempio in giardino, ad angolo di una superficie o in una piscina, fungono da illuminazione in zone importanti. Gli aspetti da non tralasciare quando si acquista un prodotto di illuminazione sono l’efficienza energetica, il rispetto per l’ambiente e l’ottimizzazione dei consumi.

La tecnologia dei fari è di tre tipi in particolare:

1) Alogeni
2) Allo Xeno
3) Led

I fari alogeni sono lampade ad incandescenza a cui sono aggiunti elementi come xenio, iodio e kripton che aumentano la propria luminosità evitando il surriscaldamento.
Si suddividono in quelli dove all’interno troviamo filamenti di tungsteno riscaldati, generalmente più economici, e quelli a Ioduri metallici, basato su radiazioni elettromagnetiche con presenza di gas ionizzato da una scarica elettrica. Quest’ultimi illuminano maggiormente e durano di più.

I fari allo Xenon sono facenti parte di una tecnologia che prende il nome dal gas presente al loro interno , lo xenon per l’appunto. Sono diffusi particolarmente per le auto, e garantiscono una buona durata , circa 2000 ore, un design elegante e un colore molto chiaro.

Il faro a led è un dispositivo semiconduttore che per fornire illuminazione sfrutta una componente di silicio lavorato ad hoc. Il LED emette luce molto brillante e pura, di un solo colore, che varia a seconda di come è stato trattato precedentemente il silicio al suo interno. È una tecnologia che si sta rivelando sempre più richiesta, per esempio per le piscine, le auto, e l’illuminazione domestica e l’illuminazione pubblica.

Rispetto in particolare alla prima categoria, cioè quella dei fari alogeni, presenta diversi vantaggi, innanzitutto la durata di gran lunga maggiore: una lampada LED infatti può funzionare per circa ben 50.000 ore, quindi la sostituzione sarà meno frequente e di conseguenza il costo di manutenzione minore.

Il consumo energetico è più basso, un LED può addirittura ridurre i consumi dell’ 80% rispetto all’alogeno , perciò la spesa in bolletta sarà drasticamente minore a parità di uso.
Per ottimizzare questi consumi basta seguire alcuni accorgimenti: i faretti LED non devono essere chiusi all’interno del porta faretto, il dissipatore non va collocato in spazi angusti troppo isolati, inoltre se la temperatura esterna al dispositivo non è mai eccessivamente elevata, l’aspettativa di vita della luce sarà più alta. Trattandosi di luce fredda non c’è dispersione di calore, l’efficienza sarà quindi garantita, altro aspetto importante dal punto di vista ambientale.

Il LED è assolutamente una scelta di tipo green, non vengono emessi infatti gas nocivi o altri tipi di inquinanti ; non sono rilasciati raggi UV, o infrarossi, e si limitano definitivamente le emissioni verso l’ambiente esterno. Si consideri che i led hanno un consumo di circa 50/60 w ognuno e le autonomie dei fari sono molto più alte di quelli alogeni. Questi ultimi presentano consumi di 300 Watt l’uno, ben 5 volte in più dei LED e con una durata media molto più breve.

L’alogeno ha inoltre il problema del possibile surriscaldamento che può causare la formazione di condensa e quindi un suo malfunzionamento, il led con la propria configurazione, non ha questo genere di problemi perciò è più sicuro e duraturo.

Il LED inoltre è più personalizzabile, perché si possono scegliere diversi colori di illuminazione, e un impianto con questo tipo di fari può permettere di creare sequenze cromatiche.
Se la potenza qui viene espressa in lumen, la temperatura colore è misurata in Kelvin: quelle più comuni sono a 2700k luce molto calda per ambienti domestici e intimi; 3000k luce bianca idonea per uffici e negozi; 6500k luce diurna per ambienti dove è necessario che tutto sia bene visibile.

Sui tanti modelli disponibili in commerciò è possibile acquistare online fari a led per esterni e giardino con sensore di luce crepuscolare e sensore di movimento integrato PIR, che permettono l’accensione quando viene rilevato un movimento o al calare del sole e quindi un utilizzo più dinamico e smart.

Il costo di questo tipo di prodotti per l’illuminazione è tuttavia ancora superiore a quello alogeno, anche se in ribasso, ma se si considerano i consumi molto ridotti al pari della potenza generata, l’ecocompatibilità, la possibilità di personalizzazione fino a prima non ottenibile e la maggior sicurezza, l’investimento su questa tecnologia risulta molto valido.

Post By Angela (111 Posts)

Aspirante giornalista, scrive per passione praticamente da sempre. Sensibile alla tutela del consumatore, per eTerra si occupa di Risparmio Energetico

Connect

Aspetta! Ti potrebbe anche interessare: