Il compost è un terriccio naturale assolutamente perfetto per le piante che abitualmente si possono trovare in appartamento o balcone, ma anche per chi coltiva un piccolo o grande orto. Realizzare dell’ottimo compost è semplicissimo, basta seguire qualche piccolo suggerimento.

La compostiera:

La compostiera può essere acquistata nei vivai o nei negozi che vendono articoli da giardinaggio, ma può essere anche realizzata in casa. i parametri da tenere in considerazione sono comunque lo spazio a disposizione e la quantità di rifiuti prodotta. In base a queste valutazioni, si potrà anche organizzare una compostiera completamente hand made usando un grosso bidone per i rifiuti, forato opportunatamente con un piccolo trapano, oppure, per chi ha quantità più grandi di rifiuti, si potranno usare delle casse di legno simili a quelle usate dagli ortolani.

In ogni caso il vostro compostiera dovrà essere senza fondo, quindi con una rete oppure molto traforata, e provvisti di copertura.

Il luogo giusto:

il luogo giusto per la compostiera è all’ombra, altrimenti il contenuto potrebbe marcire. Inoltre è importante che il piano di appoggio della compostiera sia il più piano e livellato possibile.

Ok, ma cosa posso far diventare compost?

Sarebbe bene che gli alimenti e gli scarti alimentari che usate per il compost non fossero troppo acidi, quindi meglio evitare limoni e arance in grande quantità, così come i latticini e i formaggi.

Si possono invece compostare tranquillamente i fondi di caffè, i quotidiani opportunatamente spezzettati, foglie, rami e ramoscelli, olio di oliva, bucce di frutta, bustine si thè.

Assolutamente da evitare le noci che contengono una sostanza, il juilione, che è nociva per alcune piante.

Aspetta un po’…

Ogni giorno sarà necessario verificare che non sia ne troppo secco ne troppo umido. È possibile migliorare l’umidità del compost grazie all’aggiunta di alimenti adatti. A seconda di quello che si è inserito e della posizione della compostiera, il compost può essere pronto anche dopo un paio di mesi. Una attesa che vale sicuramente la pena ;).

Ma, quando è pronto?

Quando la superficie è quasi nera. Quando avrete ottenuto un colore scurissimo, allora, prelevatelo e date libero sfogo al vostro pollice verde.

Photo Credit: ©Compost– Photl.com

Post By Francesca Oliva (91 Posts)

Web Writer Freelance che si sveglia al mattino con un solo pensiero: scrivere. Tra le tante collaborazioni, per eTerra si occupa di Ecologia e Risparmio energetico, due delle sue grandi passioni.

Website: →

Connect

Aspetta! Ti potrebbe anche interessare: